mercoledì 11 luglio 2012

La verità, vi prego, sullo SHATUSH (e affini)

A seguito di una paradossale conversazione con alcune vecchie amiche, ho realizzatto la profonda necessità, anzi oserei dire, la sete di conoscenza circa le tecniche di schiaritura del capello attualmente disponibili.

Cos'è un "Balayage"? Che mi significa "Shatush"? Da dove è uscito mò sto "California"?

Se anche voi avete intrapreso un percorso di imbiondimento, ma vi scontrate contro termini complicati e lacune nella vostra preparazione fescion, ecco una piccola guida redatta da una "finta-bionda-naturale" D.O.C.



In principio furono le Mechès.
Le mechès consistono in una rozza decolorazione di ciocche di capelli.
L'effetto è fin troppo evidente e volgare.
Le mechès sono molto amate dalle cafone di tutte le età, ma recentemente sono state riportate in auge dalle giovani emo. Nessuna ragazza dotata di buon senso (e buon gusto) se le farebbe fare nel 2012.







Poi vennero i colpi di sole.
I colpi di sole rappresentano l'alternativa chic alle mechès.
La tecnica è simile, ma invece di utilizzare il vituperato decolorante, si applica direttamente la tintura per capelli. Da qui la possibilità di creare infinite sfumature di colore, che tanto male ha fatto alle nostre capigliature (chi non si è sentito in dovere di procurarsi colpi di sole rosso rame almeno una volta nella vita???).
I colpi di sole si portano ancora abbastanza, ma sono in via di esaurimento, sopravanzati da concorrenti agguerriti.



E Shatush fu.
Lo Shatush rappresenta per la schiaritura dei capelli quello che fu la Presa della Bastiglia per la Rivoluzione Francese. Punto di rottura e non ritorno. Rivoluzione. Addio aria da battona dell'Est. Benvenuto "finto-biondo-naturale".
 


Per ottenere questo effetto nature, è necessario:
- dividere i capelli in ciocche,
- cotonarle a tipo Marge Simpsons,
- ricoprirle di un sottile strato di decolorante per un tempo variabile a seconda dell'effetto che si vuole ottenere.

Quindi per essere fighe come sopra, bisogna prima ridursi così ...e lo scioglimento delle ciocche cotonate non è un bel momento ve lo assicuro!





La sfida del Balayage:
La lobby dei parrucchieri ha recentemente lanciato una sfida all'egemonia dello Shatush: si tratta dell'esotico Balayage.
Per capire esattamente in cosa consistesse un Balayage mi sono dovuta documentare perchè l'argomento è inaspettatamente ricco e complesso (per una disamina guarda qui).

In pratica si mette un pò di decolorante su ciocche di capelli, in maniera rigidamente "a cazzo di cane" evitando di schiarire le radici e - voilà - si ottiene un delicato "effetto ricrescita, però molto naturale".



Portavoce di questa moda fu Drew Barrimore, seguita a ruota da altre star attempate ansiose di dimostrare che la loro ricrescita è marrone e non grigio-bianca perchè sono ancora GGGGIOVANI (si dice che molte si facciano scurire le radice appositamente, ma ora stiamo divagando...).

Sognando California:
Voi pensavate che l'evoluzione della schiaritura dei capelli si fosse momentaneamente arrestata al Balayage??? E no, mie care, perchè da oggi c'è California.
California è una variante del Balayage, solo che la decolorazione è un pò più decisa. Non si può dire che l'effetto sia proprio naturale però è sufficientemente figo perchè io lo porti orgogliosamente da un paio di mesi.
Occorre però prestare attenzione durante l'esecuzione. Infatti, molti parrucchieri hanno il vezzo di schiarire pesantemente il ciuffo frontale. Impediteglielo oppure assomiglierete alla Puzzola di Bambi.


 E ricordate: BIONDA E' BELLO, MA FINTA E' MEGLIO!











10 commenti:

  1. Anche lo shatush è di una volgarità senza pari, se fatto senza criterio su una testa di capelli corvini... effetto arancio assicurato!

    RispondiElimina
  2. Sto pensando a un modo con criterio di decolorare i capelli nero corvino, ma non mi viene in mente....

    RispondiElimina
  3. PRIMA DI PARLARE DI ARGOMENTI CHE NON CONOSCI APPROFONDISCI LE TUE CONOSCENZE E SOPRATTUTTO FONTI DI INFORMAZIONE.
    DEFINIRE IL BALAYAGE UNA TECNICA "A CAZZO DI CANE " è QUASI UNA BESTEMMIA E UN OFFESA PE LA CATEGARIA DEIPARRUCCHIERI, PROFESSIONISTI CHE PER ANNI STUDIANO SI INFORMANO E SOPRATTUTTO SI APPLICANO E TU ARRIVI E COMMENTI SENZA NEANCHE SAPERE DI CHE COSA STAI PARLANDO .
    CANCELLA IL POST CHE FAI PIU BELLA FIGURA.
    ANDREA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Andrea,
      avendo sperimentato tutti i tipi di decolorazione posso dire di conoscerle bene come consumatrice. Tra l'altro da anni faccio solo il balayage perché è la tecnica che trovo più naturale e bella. Io forse non conoscerò le tecniche di decolorazione ma tu non sai cos'è l'autoironia. Mi dispiace per te.

      Elimina
    2. Penso anch'io che il tuo post sia stato un po' pesantuccio e poco diplomatico, soprattutto per quanto riguarda la categoria dei parrucchieri.

      Elimina
  4. Secondo post che leggo e confermo: è amore!
    Mi avevi già conquistata col "in maniera rigidamente a cazzo di cane", ma col "seguita a ruota da altre star attempate" mi hai fatto fare il caschè finale!
    ADORO! e mi iscrivo IMMEDIATELY al tuo blog quiorasubito!

    Eva di
    Walk On The Shiny Side
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eva! Vedo che hai letto da poco Jane Eyre e guarda un po' il caso ... Oggi mi è arrivato questo stesso libro che avevo ordinato su Amazon!

      Elimina
  5. Si può fare sui capelli grigi o si ottieni un effetto di quelli che tu definisci in maniera innominabile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quale trattamento ti riferisci?

      Se hai capelli grigio chiaro mi permetto di suggerirti di fare piccole e delicate meches rosa. Ho costretto mia madre a farle e sono davvero deliziose. Il rosa è ideale per i capelli bianco-grigi perché solo in questo caso non è necessaria la decolorazione e il colore dura amalgamandosi con gli altri capelli.

      Elimina
  6. ahahahaha, la battuta finale sulla puzzola è geniale...ed è pura verità! lo han fatto anche a me :O terribile..
    stefania

    RispondiElimina