venerdì 10 gennaio 2014

Good morning Tunis!

No, non sono ancora morta. Sono però in effetti passata in un'altra dimensione e sto attraversando una delicata fase di adattamento, che comprende momenti di euforia e crisi isteriche per la gioia di Coinquilino!
Dovete capire che fino a 3 settimane fa vivevo in 60 metri quadrati (molto sgarrupati tra l'altro) dalle parti del più brutto monumento a un personaggio storico che l'universo mondo abbia mai concepito, di cui troverete una testimonianza visiva in basso.

Ma cosa andate a pensare? Questa non è una vagina pelosa!
Questa è la rappresentazione simbolica delle vallate alpine tanto care a De Gasperi....
Insomma vivevo in questo appartamentino sgarrupato e buio, dove non avevo nemmeno una postazione adeguata per immortalare i miei bellissimi outfit con dei selfie decenti. Avevo un lavoro spesso massacrante, amici, cose da fare, una famiglia a pochi km di distanza e il pieno controllo della situazione. Ah sì, avevo anche 12 kg in meno, MA DI QUESTO NON VOGLIO PARLARE ADESSO PERCHE' HO APPENA FINITO DI MANGIARE 15 FORMAGGINI FUORI PASTO!!!

Attualmente, invece, sono ghettizzata nella periferia nord di Tunisi, in quello che è a tutti gli effetti un sobborgo chic, popolato da femmine annoiate che non sanno come trascorrere la propria giornata per cui, dopo aver provveduto alla spesa (in auto, ça va sans dire) ed essere andate in palestra, possono solo scofanarsi con dei pericolosissimi dolci pieni di crema al burro in qualche patisserie sul mare. 

Per fortuna io non ho di questi problemi dato che, al momento, vivo in un residence la cui cucina è equipaggiata con la bellezza di:
- 1 piatto piano
- 2 tazze (di dimensioni diverse peraltro)
- 2 set di posate
- 1 padella
- 1 casseruola.
Qui potete ammirare il pasto che ha costituito il cenone di Capodanno mio e di Coinquilino, realizzato con i potenti mezzi di cui sopra.

Come potete capire, le mie priorità attualmente sono:
1) procurarmi almeno 2 pasti decenti, nutrienti, sani e possibilmente non contenenti il virus della toxoplasmosi al dì;
2) trovare una casa in cui vivere e farvi arrivare tutti i miei beni (attualmente stipati in qualche losco magazzino alla periferia di Roma) prima che la mia panza esploda in tutta la sua virulenza, impedendomi di allacciarmi le scarpe in autonomia;
3) trovare un luogo sicuro nel quale far venire alla luce il mio primogenito. Si accettano anche stalle e caverne;
4) trattenermi dall'abbracciare i miliardi di gatti di strada scandalosamente belli che quotidianamente mi inducono in tentazione.

A tal fine, la vostra Nené Cherie è attualmente impegnata in un intenso programma di scouting che finora ha coinvolto 6 agenzie immobiliari, 29 abitazioni e 3 quartieri... Nonostante ciò pare che io non ne abbia ancora cavato un ragno dal buco. E sono anche riuscita a guadagnarmi una pessima reputazione tra gli agenti immobiliari della zona, che ora quando mi vedono cambiano strada.
Inoltre, sto perlustrando tutte le cliniche private esistenti nella regione, le quali - benché affollate sino all'inverosimile di libici/libiche mal vestiti - sembrano di gran lunga migliori di qualsiasi struttura sanitaria io abbia mai visto nel nostro caro e amato stivale.

Voglio infine rassicurare quelle anime pie che adesso staranno piangendo sulla mia malasorte, mettendovi al corrente delle COSE VERAMENTE IMPORTANTI:
- ho già localizzato Zara, Mango e Bershka e i prezzi sembrano essere più o meno equivalenti a quelli europei. Quindi credo che sopravviverò, anche se per i saldi dovrò aspettare il 1 febbraio (follia!);
- nei supermercati locali trovo tutto quello di cui ho necessità (ad eccezione dei bastoncini di crusca della All Bran perché evidentemente le donne tunisine non hanno problemi di stipsi) e frutta e verdura sono VERAMENTE buonissime;
Offresi ospitalità illimitata a chiunque mi porti una confezione di Bastoncini AllBran.
- piano piano la gente del luogo si sta abituando al mio cappottino rosa... il mio obiettivo è liberare le donne del Maghreb dall'infame tirannia della ballerina con calza pesante in inverno! e ora so di potercela fare;

- qui ci sono già le fragole, 20 gradi e la gente in costume sulla spiaggia.
Testimonianza fotografica del 1 gennaio 2014 signori!




11 commenti:

  1. Cara Nene, lo vuoi un consiglio per la stipsi?! Yogurt a stomaco vuoto! Uno normalissimo, lascia stare i vari bifidus!
    Fa' come me: appena ti svegli, strafogati uno yogurt, lavati, vestiti e poi fai colazione con ciò che più ti aggrada!
    Risultati garantiti dopo una settimana! In più, tu che come me soffri di pelle grassa, avrai un visino liscio e asciutto come il popo di un bambino (tanto per rimanere in tema).
    Una tua fan stitica incallita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proverocci. Ma ti assicuro che in gravidanza la situazione si complica NOTEVOLMENTE!!!

      Elimina
    2. Alle brutte ascolta Lagna del Rey. Risultato immediato, altro che olio di ricino! Poi però ti prende l'abitudine...

      Elimina
  2. Grazie per essere tornata! :)

    RispondiElimina
  3. ma i capelli sono lunghissimi e splendenti!!!!! viene quasi voglia di essere incinta........

    RispondiElimina
  4. *_* 20 gradiiiii... mi basta sapere questo e mi vien voglia di trasferirmi!

    RispondiElimina
  5. appena sveglia un bicchiere d'acqua tiepida con un poco di limone spremuto mezz'oretta prima di colazione.. funziona incredibilmente.. o cubetti masticabili frutta e fibre al fico della farmacia se ci sono anche li.. oppure te li puoi far spedire che sono piccoli!!

    Erica

    RispondiElimina
  6. sai qual è la cosa triste? è che mentre leggevo il post mi dicevo "devo chiederle il nome del magazzino/ditta che conserva gelosamente i suoi beni".
    maro' che pena mi faccio.

    ma torniamo a te...
    hai contattato l'ambasciata italiana con tutte le splendide associazioni annesse? paradossalmente tra gli italiani expat c'è molta più solidarietà che tra gli italiani in patria e magari ne esce qualche dritta per la casa.
    per la stipsi in gravidanza vai di Kiwi al mattino, che sia bello maturo però.

    per tutto il resto un grande in bocca al lupo!

    ( e tranquilla: partorire e farsi i primi mesi di maternità lontana da mammà e suocera ha notevoli aspetti positivi).
    Bau

    RispondiElimina
  7. P.s.: in pratica eravamo vicine di casa..
    bau

    RispondiElimina
  8. Ciaooooo! Anche io mi sono appena trasferita in tunisia anche se ci vado da 15 anni!
    Vivo e sono sposata a Mahdia!
    Sto pensando ad una evenuale gravidanza e non so dove partorire!c
    Che mi consigli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vivo nella zona di Tunisi quindi ti posso ben consigliare ma solo per quella zona. Se vuoi qualche informazione puoi scrivermi alla mail dilloanene@gmail.com o mandarmi un messaggio privato su FB. Ti risponderò con piacere!

      Elimina