martedì 2 aprile 2013

I dubbi esistenziali di una sposa FESCION

Dice che per farmi passare le paturnie di cui vi ho parlato devo concentrarmi sulle cose che veramente contano nella vita. E ovviamente non mi riferisco a salute, famiglia e amici bensì a scarpe, borse e capelli.
E io vi giuro che vorrei, ma niente!, ultimamente vado in giro come una scappata di casa e sembro sempre uscita da un campo rom dell'hinterland napoletano. Quindi ho deciso di focalizzare tutte le mie scarse energie mentali sull'unico giorno nel prossimo futuro in cui dovrò per forza darmi una sistemata, lavare i capelli e abbinare le mutande al reggiseno: quello del mio matrimonio.

Innanzitutto ci tengo a fare una piccola premessa. Dopo una lunga e attenta riflessione sono pervenuta alla conclusione che in genere a un matrimonio la sposa è sempre quella che sta conciata peggio. Sono poche le femmine che rendono bene vestite di bianco. Inoltre, se non hai venduto un rene per comprare un abito di Jenny Packham è un attimo che sembri una bambina che fa la prima comunione o semplicemente una grossa grassa meringa truccata. Io non faccio eccezione. Per quanto sia molto convinta dell'abito scelto, so che quel giorno i 3/4 delle invitate saranno più fighe della sottoscritta.

Una volta accettato questo dato di fatto, resta il dramma terrificante degli accessori. Perché col vestito stai solo a metà dell'opera dato che ti mancano ancora......

LE SCARPE.

Comprare scarpe è una delle azioni più belle e gratificanti che una donna possa compiere. E' una di quelle cose che ti riconciliano con l'universo mondo e ti danno per un attimo l'illusione che tutto andrà bene. Ovviamente questo non vale per le scarpe da sposa. Per citare una mia conoscente "già devono essere bianche, ma perché devono pure essere brutte?". Non si sa, ma è così e tu sposa fescion devi fartene una ragione.
La media delle scarpe da sposa è questa. E capirete che dinanzi a tutto ciò la voglia di morire regna sovrana.

Scarpe da sposa classiche
Certo, ci sarebbero anche quelle fighe da zoccola ma ho seri dubbi che la sposa sia in grado di arrivare al taglio della torta senza jastemmare tutti i santi e tirare i confetti appresso alla famiglia dello sposo. Quindi magari è meglio evitarle.
Scarpe da sposa peripatetica

Detto ciò, una buona notizia c'è. Quest'anno - tenetevi forte - la redazione di Style.it ha decretato che senza un paio di decolté bianche non sei nessuno quindi in giro ci sono parecchi modelli bianchi non da sposa. Fossi in voi me le comprerei adesso e me le terrei conservate per il futuro, che non si sa mai nella vita.

La scelta di Cherie: Cherie ha scelto un paio di slingback in nappa bianca a punta tacco 6. E sono ragionevolmente fighe.

LA BIANCHERIA
Fate questo esperimento. Entrate in un negozio di biancheria, dite alla commessa che state cercando un completo intimo da sposa e vedete come reagisce. La commessa sbianca, poi arrossisce, poi giunge le mani e inizia a emettere gridolini gioiosi, chiama a raccolta le altre commesse e tutte insieme ti circondano felici come pasque urlando "che bello!", "ma quando ti sposi?", "ma sei felice?" e nessuna che ti chiedesse se vuoi un push-up o un reggiseno a fascia. 
Vi propineranno tripudi di pizzo e insisteranno affinchè scegliate un perizoma con filo di perle intra-pacche, ma voi siate forti e ricordatevi che quello che avete sotto lo vedrà solo quel povero cristo che vi sposa, il quale con tutta probabilità vi conosce già benissimo e se vedesse un filo di perle tra le vostre natiche vi sfotterebbe per il resto della vostra vita. Inoltre non credo che sia facile sistemarsi il perizoma durante la cerimonia.

La scelta di Cherie: Cherie ha scelto un completo in pizzo avorio di Intimissimi perché era l'unico in commercio senza spalline. Sparagno e cumparisco.

LA BORSA
Madre e Sorella sostengono che per la sposa non è prevista la borsa. Io non riesco ad accettare questa triste realtà. Io la borsa me la porto pure al cesso. Quelle rare volte che vado a fare la spesa mettendomi le chiavi e i soldi in tasca mi sento nuda come un verme, vengo colta da paranoie e timori di ogni sorta e non vedo l'ora di tornare a casa per riabbracciare la mia borsa. Anche se non è una Chanel. 
Purtroppo se le scarpe da sposa sono brutte, le borse sono proprio la morte dei sensi: accozzaglie di raso, seta, strass, pizzi e chiusure gioiello.

Piuttosto, la morte


Ci sarebbero pure borse carine ma di solito hanno la tracolla o il gancio a mano e quella simpaticona dell'ETICHETTA vuole che in questo genere di occasioni si usino clutch o pochette.
Ovviamente anche in questo caso Chanel offrirebbe una validissima soluzione ma ho come l'impressione che così facendo la borsa mi verrebbe a costare più di tutto il resto.

La scelta di Cherie: Cherie ha deciso che vuole una borsa ma non sa quale. Aiutate Cherie a non commettere un omicidio-suicidio e proponetele borse belle e fattibili per l'occasione.

E IN TESTA?
Beh per quello aspettate il prossimo post!


8 commenti:

  1. vendi il brillocco e compra la Chanel! dany

    RispondiElimina
  2. Quando mi sposerò (=mai) mi stamperò i tuoi post e mi ci farò una guida da seguire alla lettera ("ok, qui dice niente perle da culo, ricevuto!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi che prima o poi ti fregano pure a te! E ti proporranno perle da culo

      Elimina
  3. ehhperò le scarpe da sposa peripatetica sono bbbbeeeellleee! Io ci fari un pensierino ;) ti prego dimmi che avrai una veletta anni '30 come copricapo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ECCERTO CHE SONO BELLE!!! però sono anche scomode e finirei con le ballerine dopo nemmeno un'ora. Per quanto riguarda il copricapo, che fai? mi leggi nel pensiero?

      Elimina
  4. mi stai quasi facendo venire voglia di sposarmi.
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai voglia di mettere un perizoma di perle???

      Elimina