lunedì 1 giugno 2015

La verità, vi prego, sul sonno dei bambini.

Alcuni di voi si saranno chiesti perché da un annetto a questa parte i miei post si sono diradati fino a diventare rari come un abito di buon gusto al Met Gala. Il motivo è semplice e si chiama "privazione del sonno". 
La privazione del sonno è un affare molto grave, come ben sanno quelli che hanno visto Fight Club e L'Uomo senza sonno. E' pure considerato un terrificante strumento di tortura, peggio dell'asportazione delle unghie tanto cara al regime nazista. I suoi effetti sono vari e vanno dall'umore nero costante al crollo delle difese immunitarie con conseguenti attacchi da parte di agenti patogeni di qualsiasi tipo e specie. 
L'affare si complica quando la privazione del sonno non è causata da un regime totalitario che ti ha preso di mira, né da un trauma psicofisico bensì da un tenero frugoletto la cui missione esistenziale consiste nel rovinarti la vita e portarti molto ma molto vicina al suicidio. Ecco, in quel caso non ti puoi rivolgere a un tribunale internazionale, né attirare l'attenzione dei media e non puoi nemmeno chiedere a uno psichiatra benevolo di sedarti. Non puoi fare proprio un bel cazzo niente, a ben vedere. A parte lamentarti, ça va sans dire. 

Ed è per questo che scrivo poco e niente oramai. Perché oramai a me non importa più niente di niente. Non mi interessano i vestiti, non me ne frega nulla delle borse. Darei un rene e l'anima per potermi addormentare la sera con la matematica certezza di dormire fino alle 6.30, senza pianti e grida, senza interruzioni, senza quell'angosciante sensazione "ohcristosanto-sono-le-23-adesso-inizia-a-urlare-come-un-ossesso-e-così-andrà-avanti-fino-alle-6".

Siccome sono una mente razionale e positivista a lungo mi sono illusa di poter trovare una soluzione a questo piccolo inconveniente che sta rendendo la mia vita una corvée insostenibile fatta di notti angosciose e giornate interminabili. Le ho provate davvero tutte. Ho letto un'infinità di libri di specialisti in materia. La mia cronologia su Chrome è un susseguirsi di "sonno dei bebé", "come far dormire un bambino", "sedare un bambino senza incorrere in problemi legali", "come acquistare la morfina in soli 10 facili mosse", "ci si può privare dell'udito in modo artificiale?". Le mie conversazioni sono noiose e monotematiche e io stessa sono ridotta a un pallido ricordo di ciò che ero.

Purtroppo sul tema si dicono un mare di corbellerie spacciate per perle di saggezza, propagandate da sedicenti specialisti o semplicemente da nonni che hanno dimenticato cosa significa avere a che fare con un cocciuto mostriciattolo insonne. Volendo ridurle all'osso le corbellerie sarebbero le seguenti:

1. "Per dormire bene i bambini devono seguire una routine strutturata e coerente". Lo faccio da 13 mesi con la determinazione di un sacerdote buddista senza nessunissimo risultato a parte il fatto che oramai per parenti e amici sono diventata "la stramba nazi-mamma" di turno.

2. "I bambini non devono mai addormentarsi in braccio, ma nella loro culla da soli". Provateci voi a NON fare addormentare in braccio un neonato di 2 mesi mentre gli date un biberon. Quelli crollano come pere cotte arrivati a metà poppata! e poi, quando sono abbastanza grandi da reggere fino alla fine, tac hanno già "preso il vizio".

3. "Non prenderlo in braccio se la notte si sveglia piangendo". Anche se si spacca le gengive contro le sbarre del lettino? Anche se smette di respirare e gli vengono i conati di vomito? 

4. "Fatelo dormire nel letto con voi così sarà rassicurato". Ok, ma se quello non vuole dormire nemmeno così che faccio? Mi ammazzo?

5. "Dategli una tisana calmante/un oggetto transizionale/ un ciucciotto/ una Tshirt col vostro odore". Ah ah ah, dilettanti. Quello là se ne sbatte dei vostri mezzucci.

6. "Tenetelo sveglio di giorno" (questa è una delle preferite dai nonni). Fatto, con il solo risultato che adesso oltre a non dormire di notte, non dorme nemmeno di giorno.

7. "Fatelo stancare" (un'altra molto amata dai nonni). E' già stanco, dato che non dorme 2 ore ininterrotte da circa 6 mesi.


Distrutta da mesi di tentativi, esperimenti e urla ho cercato di andare alle origini del problema e capire perché questi benedetti bambini hanno stabilito che nessuno in famiglia debba poter chiudere occhio. La teoria più accreditata sostiene che essi (i bambini) non hanno nessun problema particolare (tipo fame, malattie, caldo/freddo...) ma sono semplicemente dotati di un sistema neurologico immaturo e stronzo che li costringe a svegliarsi ogni 3 ore (se ti va bene) o ogni 20 minuti (nel caso di mio figlio) e che, siccome sono piccoli e spaventati, vogliono coinvolgere anche te - adulto con un bellissimo rapporto consolidato con il proprio cuscino - nei loro after-party notturni. 

Ma state tranquilli - avverte la summenzionata teoria - perché tanto intorno ai 3 anni di vita il problema si risolve da solo. WOW! quindi devo farmi solo altri 23 mesi di veglia alternata a sonno angoscioso e poi forse potrò tornare a dormire serenamente. Ma che bella notizia! Musica per le mie orecchie. Ma allora è una passeggiata di salute. Se po fa'.

La verità è che siamo nel 2015, andiamo nello spazio, sostituiamo organi, fabbrichiamo tessuti umani, costruiamo oggetti elettronici che ti fanno pure il caffè, ma non siamo in grado di fare l'unica cosa che renderebbe le famiglie un po' più serene, felici, capaci di affrontare una giornata senza pensieri di morte e distruzione: UNA CAZZO DI PILLOLA CHE FACCIA DORMIRE PER 10 ORE DI FILA UN BAMBINO SENZA NECESSARIAMENTE PROVOCARGLI DANNI IRREPARABILI. E non permettetevi di venirmi a parlare di sciroppi omeopatici e belladonna in granuli perché potrei incazzarmi seriamente e rigarvi la macchina.

Però se avete esperienza in materia e conoscete un rimedio che funziona e che non mi porti dritta dritta in galera sentitevi liberi di scrivermelo che qua stiamo alla canna del gas. Grazie.


18 commenti:

  1. Come ti capisco...figurati che noi, dopo quasi un anno che casa nostra si era trasformata in guantanamo, per disperazione abbiamo deciso di farne un altro in modo da ottimizzare gli sforzi, e lì si è aggiunta la beffa, perché all'inizio la seconda dormiva e lui ancora no, appena ha compiuto 2 anni ha iniziato magicamente a dormire e contemporaneamente ha smesso lei...
    Insomma, 5 anni di privazione del sonno...per la mia esperienza posso dire che non esiste nessun "metodo", ma solo la fortuna di avere un bimbo che dorme da subito o la sfiga di averne uno come i nostri. Tuttavia mi sento di segnalarti che a detta di molti il metodo Estivill (di cui avrai sicuramente letto più di me) funziona e per quanto deprecato pare sia infallibile, io però non ho mai avuto il coraggio di provarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ci riproverò. La prima volta è stata disastrosa....

      Elimina
  2. io non ho figli, premetto. Pero' i miei amici ne hanno, e ho notato che gli unici ad avere problemi con bambini insonni sono quelli italiani, cioe' quelli che praticano il co-sleeping o si mettono nel letto con i bambini finche' quellli non crollano, o li addormentano in braccio. Tutti i figli dei miei amici nord-europei hanno figli che alle 6 o 7 vanno a letto e non rompono i maroni. Incuriosita da questo fatto, pensando ci potesse essere una motivazione genetica, mi sono fatta spiegare che tecnica usano. Mi pare ci sia un nome, ma fondamentalmente consiste nel mollare il pupo nel letto, poi se piange vai a dargli una carezza e vai via, ecc. Si', all'inizio alcuni piangono come aquile, urlano, sembra che stiano per vomitare, per soffocare. Uno si e' sbattuto la testa sulla culletta el'hanno portato a mettere due punti, ma e' vivo e sta benissimo. Credo che sia un po' straziante all'inzio, pero' pare che funzioni. Se mai avro' figli provero' ad adottare questo metodo, magari mi metto i tappi nelle orecchie cosi' non li sento che si disperano, non so. Insomma, magari prova questa strategia, alla fine mi pare che questi bimbi nordeuropei siano sereni e felici, non meno di quelli italiani, per cui, boh, non dev' essere troppo traumatica come cosa.

    RispondiElimina
  3. Sono una neomamma da quasi 6 mesi e mi sto convincendo che si tratti spesso anche di fortuna... se posso esserti utile mi ha aiutato molto mio marito: ci siamo impuntati che doveva imparare a dormire da solo nel suo lettino e mentre dopo 5 minuti di pianto io non reggevo e lo prendevo in braccio, una sera si è chiuso in stanza con lui mio marito e l'ha lasciato piangere per molto più tempo, coccolandolo di tanto in tanto. Credo che la sua fermezza abbia pagato (i bambini la percepiscono): da quel giorno ha capito e si addormenta da solo felice. Alle 8 di sera. Poi si sveglia due volte di notte per mangiare, ma non posso lamentarmi. Chissà che non possa aiutarti. Detto ciò, da fashion blogger che dice e non dice, ti seguo appassionatamente ;) Un abbraccio! Ida

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coinquilino ci ha provato. Dopo 3 giorni mi ha mollato il pupo nel letto urlando che non voleva vederlo fino all'indomani. Inoltre lui adora contraddire quindi non è di nessunissimo aiuto....

      Elimina
  4. Ho esaurito le idee ma ti sono vicina... Se ti può essere di consolazione hai un nuovo fan: mio marito! Gli ho appena letto questo post ed é rimasto scioccato, apprezzando però tantissimo il tuo modo di raccontare. Good luck cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Anche se quando dormi 3 ore al giorno è una ben magra consolazione.

      Elimina
  5. Hai provato a fare qualche test per l'intolleranze? Già più di una volta ho sentito di bambini che non dormivano per intolleranze...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì dovrei provare. Ma in effetti a parte il sonno disturbato non c'è nulla che faccia pensare a un'intolleranza.

      Elimina
    2. ginevra midolo16 giugno 2015 14:34

      Anche il figlio di mio cugino non dormiva e gli hanno diagnosticato intolleranza al lattosio. Fai un check per sicurezza

      Elimina
  6. Hai provato con la melatonina? Mio marito e mio figlio 5enne crollano dopo mezz'ora dall'assunzione, mentre l'effetto sulla tre-enne è quello di andare a dormire serena... Io? Non l'ho mai provata perchè crollo appena appoggio la testa sul cuscino...
    Comunque anche io con la seconda dormivo di tre ore in tre ore fino all'anno al che poi, esausta, ho applicato il metodo Tracy Hogg, braccio-lettino-braccio-lettino e in 2/3 notti ha funzionato. E in ogni caso è solo questione di fortuna... M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pupetto si addormenta abbastanza bene la sera ma purtroppo non dura e pare che per questo la melatonina non aiuti affatto. Il metodo della Hogg l'ho applicato per 2 settimane... decisamente troppo per un metodo così faticoso! Ho desistito perché ero così stanca che mi ammalavo.

      Elimina
  7. Ciao,sono Betty,di figli ne ho avuti tre(oramai adolescenti)e su tre uno era come il tuo,sveglio ogni 20 min
    Anche io le ho provate tutte,omeopatia,metodi tranquillanti,manuali per far dormire il bebè,routine tranquillizzante...mi mancava l'esorcista
    Adesso ti posso dire che NIENTE di quello che proverai lo farà dormire
    Lo so che è brutto da dire ma finchè non passa il problema del pupo(per il mio sospetto sia stata la dentizione,finchè non ha messo l'ultimo dente non ha dormito) non c'è niente da fare
    Quello che ti posso dire ,e che mi ripetevo in quel periodo di depressione(e poi si chiedono da dove viene la depressione post partum..) è che VERAMENTE tutto passa,e pian piano ti ritrovi ad amara sempre di piú quel mostro urlante che fino a poco prima avresti voluto sopprimere ed ora si è trasformato in un piccolino che è facile da capire e gestire
    C'è la luce in fondo al tunnel,tieni duro e non perdere la speranza
    Ciao Betty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevi ragione Betty. Lui continua a dormire così così ma io oramai c'ho fatto il callo e non mi pongo più il problema... e pui a volte mi sorprende e mi regala una notte di riposo!

      Elimina
  8. ...osteopata infantile.il mio secondo pupo ha fatto cosi per 11 mesi.( ora ne ha 15).20 minuti di sonno al mattino.20 minuti al pomeriggio e round di 20 minuti nanna/ 1ora sveglio la notte.dopo la prima seduta ha dormito dalle 13:00 alle 17:00. Dopo la seconda si é sparato tre ore di fila di notte ( mi sembrava d'aver dormito per 24ore.ero fresca come na rosa) e dopo il terzo trattamento ora si spara dalle 12:00 alle 14/30 e dalle 20:30/21 alle 6(con uno o due risvegli perché ha fame sempre). Visto che la macchina é già rigata ti suggerisco una visita pure da omeopata ( magari unicista)..e della buona e rinvigorente propoli per te! P.s. Io uso pure Vervian , fiore di Bach , perché lui é giusto u po ipercinerico. Ah.. Il mio pupo grande ha smesso di svegliarsi a sei anni..ma ormai io mettevo il pilota automatico
    P.s.io mi vendicherò appena saranno adolescenti.passero l'aspirapolvere all'alba proprio la domenica mattina.ehhh ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che i nostri pupi si assomigliano. Poco sonno e tanto movimento = mamma stremata. Quando grnitori von bimbi imbalsamati mi dicono "che tutti i bimbi sono uguali" mi viene voglia di ucciderli!
      Cmq l'osteopatia infantile è una delle prime cose cheho provato... con 2 diversi specialisti! Nessuna delle 4 sedute ha dato risultati e anzi il bimbo si è molto stressato e dopo era più agitato. In compenso entrambi gli specialisti hanno espresso pareri non richiesti su me, mio figlio e il nostro approccio educativo che mi hanno definitivamente convinta chele medicine alternative non fanno per me. Ma proverò con i fiori di Bach perché sono un po' stanchina.

      Elimina
  9. Ciao...ho letto solo ora il tuo post...non so se hai risolto...ma io avevo il tuo stesso identico problema con tanto di MIEI pianti notturni insieme al mio piccolo...ero arrivata a voler scappare via...alla fine...con grande diffidenza ho iniziato un percorso con melatonina e omeopatia...e i risultati sono arrivati dopo 2 settimane...e finalmente dopo 1 anno insonne...dormo!anzi dormiamo!non dico che dormiamo 8 ore filate...ma almeno 6!
    Bel blog, un bacio!

    RispondiElimina
  10. Ti scopro oggi, per caso, e mi stupisce saperti mamma. Noi facciamo tutto quello che non si deve fare.. lo addormento in braccio. Lo adagio nel suo materasso a terra dove lo scuoto e lo accarezzo se si risveglia nel processo, con buona pace all'imparare all'addormentarsi solo. A meta' della notte (tempo variabile tra le 23 e le 4 di mattina, ma molto più vicino alle 23) viene (solo - regalo del materasso raso terra) in camera nostra, si infila nel lettone, e ciuccia un numero n di volte, da 2 a 15 fino a che non e' mattina, ed io sono tentata di infilarmi in qualche hotel a ore nel tragitto asilo-ufficio (per dormire). Ci sono notti che va bene e il mondo sembra più bello. Altrimenti, ti capisco...

    RispondiElimina